x

Le migliori offerte & consigli per il viaggio!

Iscrizione gratuita alla Newsletter

Home  |  DE
Gli highlight culturali da non perdere
Highlight culturali
Un'offerta culturale straordinaria
I nostri consigli per tutti gli appassionati di cultura…
Le nostre TOP-offerte!
Adler Spa Resort DolomitiAdler Spa Resort Dolomiti Speciale escursionisti: Profumi di primavera
vai all'offerta
Sporthotel Tyrol DolomitesSporthotel Tyrol Dolomites Giorni di Relax 3 Cime Estate
vai all'offerta
Tutte le offerte nelle Dolomiti
> > > Highlight culturali

Le 10 migliori mete per gli appassionati di cultura

   
Un'offerta di highlight straordinari attende gli appassionati di cultura sulle Dolomiti. Splendidi musei, chiese da visitare e un grande numero di fortezze e castelli, veri e propri capolavori di architettura. Escursioni da pensionati? Tutt'altro! La nostra selezione delle migliori destinazioni culturali delle Dolomiti include highlight per grandi e piccini, che sapranno divertire e interessare gli ospiti di qualsiasi età.

  • La Collegiata di San Candido – il nostro numero 1 nelle Dolomiti orientali
    La basilica a tre navate di San Candido è l'edificio sacro in stile romanico più bello dell'arco alpino orientale. L'aspetto attuale della Collegiata, consacrata ai Santi Candido e Corbiniano, risale al lontano 1280. All'interno, il Gruppo della Crocifissione situato presso l'altare e immediatamente visibile all'ingresso in chiesa, è un vero e proprio capolavoro di scultura romanica.

  • Plan de Corones x 3
    La cultura a 2.275 m di altitudine: Plan de Corones, vicino Brunico, non offre solo sci ed escursioni. Qui troverete le mete n. 2, 3 e 4 della nostra classifica. L'MMM Corones entusiasma i visitatori con un fantastico mix di posizione eccezionale, panorama e architettura. Con l'ausilio di collezioni, attrezzature e oggetti personali in esposizione, il Museo illustra la vita degli alpinisti e fornisce interessanti informazioni sull'alpinismo tradizionale e sulle imponenti pareti rocciose delle montagne. Il racconto del suggestivo mondo d'alta quota prosegue con il LUMEN, il Museo della Fotografia di montagna, ugualmente situato sulla vetta. Ed ecco un altro highlight: la Campana della Pace Concordia 2000, che con le sue 18,1 tonnellate di peso è una delle più grandi di tutto l'arco alpino. La campana risuona sempre alle ore 12, diffondendo il messaggio “Donet deus populis pacem – Dio doni ai popoli la pace”.

  • Castel Rodengo e le più antiche pitture murali profane
    Vicino a Rio di Pusteria, all'ingresso della Val Pusteria e arroccato sopra la gola della Rienza, troviamo Castel Rodengo, uno dei castelli più imponenti dell'area, costruito nel 1140 e meta n. 5 della nostra lista. L'attrazione principale è rappresentata dalle pitture murali profane custodite all'interno, le più antiche dell'area linguistica tedesca. Da vedere anche il giardino, la cappella dedicata a San Michele, e naturalmente l'armeria.

  • Il Duomo di Bressanone e il Chiostro gotico
    Bressanone è stata sede vescovile per ben 1000 anni. Ecco perché la visita allo splendido Duomo barocco, ricco di marmi pregiati e simbolo della città, è un must assoluto. Accanto alla chiesa troviamo il Chiostro, impreziosito da dipinti risalenti al periodo compreso tra la prima e l'ultima fase del gotico. E durante una visita a Bressanone, non perdetevi anche una passeggiata lungo i portici medievali della città!

  • Museo mineralogico e geodi di Tiso
    I geodi di Tiso sono unici al mondo. Al loro interno è infatti possibile riscontrare la presenza di numerosi – fino a 7 – minerali. Ecco perché questa è l'attrazione n. 7 del nostro viaggio culturale nelle Dolomiti! Nel Museo mineralogico potrete ammirare non solo i cristalli di Tiso, in Val di Funes, ma anche formazioni rinvenute in altre aree alpine. Inoltre, sarà possibile aprire personalmente alcuni geodi e andare alla ricerca delle preziose sfere, accompagnati da Paul Fischnaller, fondatore del Museo.

  • Museum Gherdëina e la mostra permanente Luis Trenker
    Architetto, guida alpina, attore, regista e scrittore: stiamo parlando di Luis Trenker, che negli anni '60 del secolo scorso era indubbiamente l'altoatesino più noto al pubblico. Il Museum Gherdëina di Ortisei, in Val Gardena, dedica a Trenker un'apposita sezione, dove è stato collocato il suo lascito. Qui i visitatori, circondati dai mobili e dai tanti ricordi dell'artista, potranno conoscerne ed apprezzarne da vicino il grande carisma. Tra le altre attrazioni del Museum Gherdëina ricordiamo la collezione degli antichi giocattoli in legno della Val Gardena, le sezioni dedicate all'arte dell'intaglio del legno e alla pittura locale, la tela quaresimale proveniente dalla Chiesa di San Giacomo, l'esposizione di manufatti archeologici, con reperti risalenti alla preistoria, e i resti fossili dello scheletro di un grande ittiosauro.

  • Il Santuario della Madonna di Pietralba – il più noto di tutto l'Alto Adige
    La storia del Santuario della Madonna di Pietralba inizia nel 1553, quando la Vergine Maria apparve a un contadino del luogo, Leonhard Weißensteiner, guarendolo da una grave malattia. In segno di riconoscenza, Weißensteiner costruì una cappella, dove collocò anche un'icona miracolosa raffigurante la Pietà che aveva rinvenuto in corso d'opera. Il Santuario divenne meta di pellegrinaggio di un numero sempre crescente di fedeli, tanto da rendere necessaria l'edificazione, nel 1673, di una chiesa barocca, che nel 1719-1722 venne rinnovata e ampliata. Il Santuario di Pietralba custodisce oltre 4.000 immagini votive ed è stato sede di un evento speciale nel 1988, quando Papa Giovanni Paolo II vi celebrò una messa davanti a migliaia di fedeli.

  • Meta numero 10: a voi la scelta!
    Per noi è davvero difficile decidere. Non sappiamo infatti se consigliarvi di dirigervi verso San Cassiano, in Alta Badia, dove troverete il Museo Ladino Ursus ladinicus, che vi svelerà tutti i segreti degli orsi delle caverne preistorici, o suggerirvi invece di visitare il Forte di Fortezza, costruito negli anni tra il 1833 e il 1838. Oppure, ancora, preferireste forse fare tappa a Vandoies, per scoprire il Museo del Loden e il Caseificio Capriz? A voi la scelta!

Temi proposti ...


 

Ulteriori informazioni e alloggi nelle Dolomiti ...


Alloggi    
Alloggio Dolomiti

I migliori alloggi nelle Dolomiti

NewsletterIscrizione alla Newsletter
E-Mail

 
Newsletter
Alloggi
Dolomiti